Curiosità

40.000 dollari di insetti e lucertole sono stati rubati in una rapina davvero insolita

Un furto davvero insolito è stato consumato presso il Philadelphia Insectarium ed il Butterfly Pavilion e i ladri non sono stati ancora individuati anche se la polizia sospetta possa esservi stato almeno un basista all’interno dell’istituto.

Secondo quanto riporta il New York Timesil furto è stato registrato dalle telecamere a circuito chiuso nelle cui regostrazioni si vedono alcune persone rinchiudere in contenitori di plastica una varietà di insetti, lucertole e aracnidi, alcuni velenosi. In totale, circa 7.000 creaturine, l’80-90% dell’intera raccolta dell’insectarium, sono state rapite, probabilmente per essere rivendute a colezzionisti.

I colpevoli hanno persino rubato i bastoncini usati per annotare la posizione degli insetti, quindi non è stato ancora possibile compilare un inventario definitivo degli insetti rubati. Sulla base della prove raccolte, gli investigatori sospettano che i colpevoli vadano ricercati tra gli ex dipendenti della struttura e sono state già eseguite perquisizioni in diverse abitazioni.

Il sito web dell’insettario osserva con orgoglio che “abbiamo una delle più varie collezioni di artropodi viventi negli Stati Uniti“. Al momento, purtroppo non è più così, anche se alcuni esemplari, come la tarantola gamba di fuoco messicana, sono stati recuperati e restituiti dalle autorità.

In seguito al furto, l’istituto ha dovuto momentaneamente chiudere ampie sezioni dell’edificio, abbastanza comprensibilmente. È stata anche lanciata una campagna di crowfunding per raccogliere il denaro necessario per reintegrare le collezioni di insetti.

Lascia un commento